Ricette svelate al Gran Brulé di Isola della Scala

Invitati come giuria popolare al concorso siamo tornati ieri sera al Palariso di Isola della Scala. L’intento era quello di verificare come si sarebbero comportati i brulé che avevamo assaggiato in anteprima la scorsa settimana e di assistere alla rivelazione delle ricette.

I cinque gran brulé in gara sono nati da una stretta collaborazione tra i sommelier Mauro Longo e Matteo Guidorizzi e lo chef Paolo Forgia. I due sommelier hanno spiegato le caratteristiche fondamentali dei vini usati in modo che lo chef potesse poi con esperienza e fantasia scegliere e dosare spezie, frutta, miele, zucchero… per creare la ricetta giusta per ogni vino.

Gran Brule - Prebenda

La giuria tecnica ha eletto come vincitore Il Dolce e Soave.
Lo Stellato ha invece vinto il premio della giuria popolare composta da 30 sommelier.
E gli altri? Durante la manifestazione dopo pranzo è stato molto apprezzato Il Silvestre, mentre la sera dopo cena a fare la parte del leone è stato Il Mantovano. Molto apprezzato dai giovani Il Valpopiccante!
A quanto pare ogni brulé ha avuto il suo pubblico di estimatori.

Vi sveliamo le ricette
(ricette per 500 ml di vino):

Il Dolce e SoaveBrulé da Soave Classico
7 grani di pepe, 2 bucce di limone, 1/4 arancia, 1 cucchiaio di miele di acacia, 1 cucchiaino di camomilla, 1/4 mela verde, 20 grammi di zenzero, 1 cucchiaio di zucchero di canna

Il “Mantovano”Brulé da Lambrusco Mantovano
10 grani di pepe rosa, 1/2 di bacello di vaniglia, 2 chiodi di garofano, 1 cucchiaio di miele di acacia, 1 cucchiaio di zucchero semolato, 1 cucchiaino di lavanda, 50 grammi di frutti di bosco

Il ValpopiccanteBrulé da Valpolicella Ripasso
1/2 noce moscata, 1/2 stecca di cannella, 2 chiodi di garofano, 1 cucchiaio di miele mille fiori, 4 grani di pepe, 1/4 di peperoncino

Il “Silvestre”Brulé da Tai rosso
50 grammi di frutti di bosco, 10 grani di pepe rosa, 1/2 cucchiaino di miele di acacia, 1 foglia di alloro, 1/2 stecca di cannella, 3 castagne, 2 cucchiai di zucchero di canna

Lo “Stellato”Brulé da Enantio Riserva
1/2 anice stellato, 1 bastoncino di liquirizia, 1/2 stecca di vaniglia, 1 cucchiaio di miele millefiori, 1 + 1/2 cucchiaio di zucchero semolato


Gran Brule - Chef

Ci tengo a fare dei particolari complimenti allo chef Paolo Forgia, soli 26 anni e già una grande esperienza: docente di Cucina e Gelateria, segretario Associazione Cuochi Scaligeri Verona, referente area Nord compartimento giovani Federazione Italiana Cuochi, collaboratore dell’Ente Fiera di Isola della Scala per i risotti. Complimenti!

Quello che invece vedete nella foto di apertura è proprio il mio socio Matteo che ritira il suo premio speciale per aver contribuito alla riscoperta e alla nobilitazione del brulé. Bravo Matteo!

Alla prossima…

Ivana Guantiero

Ivana Guantiero

Mi chiamo Ivana Guantiero e sono appassionata di vino. Come è nata la mia passione per il vino? Se scavo bene tra i miei ricordi l'immagine più antica che mi torna alla mente è quella della cucina di mia nonna a Mezzane, il camino ed il grande tavolo in legno. Io che non arrivo neppure al tavolo e mio papà che con il goto veronese in mano mi chiede se voglio assaggiare un goccino di recioto, mia mamma che brontola "..è piccola..", mio papà che facendomi l'occhiolino mi allunga il bicchiere da cui ne assaggio un goccino. Ecco, io credo che in quelle domeniche sia stato piantato in me il seme della passione per il vino, quindi grazie papà! Sono socia dell’Ais (Associazione Italiana sommelier) da una quindicina di anni e con loro sono relatore nei corsi per aspiranti sommelier, faccio parte della redazione di verona, scrivo articoli sul loro sito, faccio visite alle cantine, recensioni ai vini e partecipo ai panel dei degustatori ufficiali. Collaboro anche con la Slow food per stesura della guida Slow wine. Il mio interesse non è solo nel mondo del vino ma anche dei salumi con l’Onas, olio e formaggi. Il blog? Spero diventerà una raccolta delle mie eno-avventure e un modo per conoscere e scambiare opinioni con altre persone che avranno voglia di leggermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *