Nardin – storie di fuorilegge e di magie

Nardin Luigi è una delle aziende storiche di Nanto, in provincia di Vicenza, nel cuore della Riviera Berica.
Durante gli anni Novanta sono stati promotori di una vera e propria “battaglia” per il riconoscimento del vitigno Syrah, da sempre considerato in questa zona un “fuorilegge”. Con l’aiuto dell’Istituto Sperimentale di Conegliano Nardin ha dimostrato che qui era già coltivato nel 1800, con il risultato che dal 2003 è stato inserito a pieno titolo nell’Indicazione Geografica Tipica del Veneto.

La nostra visita di oggi ha l’obiettivo di degustare alcuni syrah qui prodotti e stiamo infatti piacevolmente chiacchierando con il signor Luigi quando notiamo appese alle pareti della cantina delle foto di grappoli maturi delle diverse varietà presenti in zona. Una in particolare cattura la nostra attenzione, un bel grappolo di uva rosata che non conosciamo.

Sulla collina di Nanto hanno un vigneto sperimentale, in collaborazione con l’Istituto di Conegliano: si tratta del raro Manzoni rosa

Il Manzoni rosa è un vitigno che nasce dall’incrocio tra Trebbiano e Traminer aromatico e proprio quest’anno Nardin ha iniziato l’imbottigliamento e la vendita di questo nuovo vino che noi abbiamo prontamente assaggiato.
Al naso un profumo accattivante di rose, viole, pesche, albicocche e caramelline e dal sapore delicatamente dolce e fresco, un vino piacevole adatto ai delicati dessert estivi, da una festa in piscina a una merenda con la crostata dolce, un vino da divertimento e da sole.

Alla prossima…

Magia Rosa da Incrocio Manzoni rosa
Spumante extradry 12.5% – 7 euro

Azienda agricola vitivinicola dal 1910 di Luigi, Emilio, Mirco e Michele
Via Pissotto, 8 – 36024 Nanto (VI)
Cell. 328 4184311 (Mirco)
Cell. 329 6039787 (Michele)
Mail: nardinvini@libero.it
www.vininardin.it

Nardin - storie di fuorilegge e di magie - articolo

Ivana Guantiero

Ivana Guantiero

Mi chiamo Ivana Guantiero e sono appassionata di vino.
Come è nata la mia passione per il vino? Se scavo bene tra i miei ricordi l’immagine più antica che mi torna alla mente è quella della cucina di mia nonna a Mezzane, il camino ed il grande tavolo in legno.
Io che non arrivo neppure al tavolo e mio papà che con il goto veronese in mano mi chiede se voglio assaggiare un goccino di recioto, mia mamma che brontola “..è piccola..”, mio papà che facendomi l’occhiolino mi allunga il bicchiere da cui ne assaggio un goccino.
Ecco, io credo che in quelle domeniche sia stato piantato in me il seme della passione per il vino, quindi grazie papà!
Sono socia dell’Ais (Associazione Italiana sommelier) da una quindicina di anni e con loro sono relatore nei corsi per aspiranti sommelier, faccio parte della redazione di verona, scrivo articoli sul loro sito, faccio visite alle cantine, recensioni ai vini e partecipo ai panel dei degustatori ufficiali.
Collaboro anche con la Slow food per stesura della guida Slow wine.
Il mio interesse non è solo nel mondo del vino ma anche dei salumi con l’Onas, olio e formaggi.
Il blog? Spero diventerà una raccolta delle mie eno-avventure e un modo per conoscere e scambiare opinioni con altre persone che avranno voglia di leggermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *