A tutti i cacciatori di anime

The Osteria Experience in Verona

The Osteria Experience in Verona è un racconto sulle osterie di Verona preparato da Patricia Guy, Susan Hedblad e Ugo Brusaporco. Le due coautrici sono americane e curano anche la parte in inglese di questo piccolo volume, rivolto a quei turisti stranieri meno frettolosi che vogliono assaporare qualcosa dell’anima di questa città.

Delle due noi ben conosciamo Susan e sappiamo che la sua non è una semplice traduzione linguistica, è una ricerca, una passione per gli aspetti tradizionali, per tutto ciò che rivela il senso della vita, della vicende passate, dei luoghi, dei cibi tipici ed ovviamente dei vini di una città, dato che uno degli sponsor del libretto è il Consorzio Tutela Vini Soave. L’osteria diventa così l’intersecarsi di tante linee, il punto di incontro di tante storie, la possibilità che ne nascano ancora.

Susan abita da molti anni in Veneto, è oramai contaminata dall’italianità, sa mangiare bene, bere meglio, anche spendendo poco, conosce le tradizioni culinarie, i modi di dire dialettali, i luoghi che hanno un’anima e possono regalare ai viandanti magia e racconti. Possiamo dire che, in questo viaggio attraverso le osterie di Verona, lei cerca la poesia interiore dei luoghi: in estrema sintesi fa la cacciatrice d’anime… in inglese. Sa anche che questo suo agire ha un po’ a che fare con la stregoneria, sa che rubacchiare tra le anime degli angoli di mondo cambia un po’ la propria anima, qualche pezzetto non tuo rimane sempre dentro di te, difatti sta diventando una meticcia veneto-americana assai contaminata. Non sa che se quel Donald diventerà presidente è possibile che nella sua America non la vogliano più; le toccherà, con nostro piacere, rimanere qui a bere nelle osterie con noi, cacciatori d’anime come lei, … in italiano.

Ivana Guantiero e Matteo Guidorizzi

Susan e Patricia

Matteo Guidorizzi

Matteo Guidorizzi

Mi chiamo Matteo Guidorizzi e sono un onesto e malpagato docente di materie letterarie in un liceo, ho un’età -anta-tanta ma, per mia fortuna, sono preso da molteplici interessi, a cominciare dal mondo del vino. Sono attualmente socio dell’Ais (Associazione Italiana sommelier), dell’Onaf (Organizzazione nazionale assaggiatori formaggi), Onas (salumi) e sono iscritto all’elenco regionale dei tecnici ed esperti degli oli d’oliva. Insomma ho un naso ed una bocca discreti, li ho ben educati negli ultimi decenni e li uso per setacciare la mia terra veneta e scoprirci le pepite, le cose buone spesso poco note ma legate alle tradizioni alimentari delle nostre genti.
Ecco quindi già rivelate le finalità dei miei interventi in questo blog: parlare del mio territorio e divertirmi, anche in vostra compagnia, se vorrete leggermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *